Professionisti, presentata proposta di legge per elevare la soglia dei minimi a 50mila euro

Mara Carfagna, vice presidente della Camera e deputato di Forza Italia, ha presentato una proposta di legge “per innalzare il tetto del regime forfettario agevolato al 15% (qualcuno lo chiama ancora ‘regime dei minimi‘), previsto per i professionisti e le altre tipologie di partite Iva”.

La proposta di legge, della vice presidente della Camera Mara Carfagna, punta a innalzare il tetto del regime forfettario agevolato al 15%

“L’Italia riparte se riparte il lavoro, soprattutto quello dei giovani e in particolare di chi è imprenditore di se stesso”, scrive Carfagna sulla sua pagina Facebook.

“Stiamo parlando di un esercito di 600mila persone, non garantite da contratti o da tutele, free lance e creatori del proprio lavoro.

Oggi questo limite è 30.000 euro annui: elevarlo fino a 50.000 euro, con una fascia di uscita graduale sino a 55.000 euro, sarebbe un’autentica iniezione di libertà dal peso eccessivo del fisco per centinaia di migliaia di professionisti, prevalentemente giovani.

L’attuale limite a 30mila euro – osserva la vice presidente della Camera – è un’agevolazione utile, ma finisce per intrappolare molti di loro sotto quella soglia: se guadagni anche solo un euro in più, perdi il beneficio e paghi Irpef e Iva ordinarie.

Per questo, innalzare il limite a 50mila per la tassazione al 15% e prevedere poi un phasing-out al 24% per i successivi 5mila euro di fatturato favorirebbe la crescita dimensionale, scoraggerebbe il sommerso e semplificherebbe gli adempimenti burocratici-fiscali per una fascia più ampia di lavoratori autonomi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.