Articoli

Che differenza c’è tra RSSP Modulo A, RSPP Modulo B e RSPP Modulo C?

differenza fra i moduli rspp

Se vi stiate chiedendo che differenze incontrerete tra i Moduli A, B, C durante il vostro corso RSPP sappiate che siete nel posto giusto. Sempre più persone che aspirano a diventare Responsabile dei Servizi di Prevenzione e Protezione si chiedono che temi affronteranno durante il corso di formazione che consta di tre moduli.

L’Accordo Stato Regioni del 7/7/2016 mette ordine alla normativa sulla formazione delle figure di RSPP e ASPP delineando le tematiche presenti nei tre moduli, sulla durata e sui contenuti minimi dei percorsi formativi dei moduli A e B. Dopo aver precisato i requisiti minimi per l’accesso alla formazione l’accordo elenca le tematiche che devono essere affrontate all’interno di ogni modulo. È possibile infatti accedere al corso se si è in possesso di un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore, vi sono inoltre determinate classi di laurea che esonerano dalla frequenza dei corsi di formazione. Vediamo ora invece i temi che affrontano i tre moduli del corso.

Modulo A

Il modulo A vi permetterà di acquisire un’infarinatura generale su quella che è la normativa in tema di salute e sicurezza. Il modulo ha una durata di 28 ore durante le quali saranno esaminate le nozioni di pericolo, rischio, danno, prevenzione e protezione focalizzandosi in particolare su cosa dice il D.Lgs. 81/08 su queste tematiche. Questo modulo vi consentirà quindi di acquisire consapevolezza di come si sono evolute le normative sulla sicurezza e sul lavoro e cosa dicono oggi le direttive europee e le leggi italiane in materia. In particolare si analizzano anche i vari sistemi di prevenzione utilizzati nel pubblico che nel privato. In questo modulo verranno anche esaminate le varie tipologie di rischio e cosa dice la legislazione a riguardo. Il modulo A viene considerato come propedeutico per l’accesso agli altri moduli e vi darà quindi le conoscenze base per lo svolgimento della funzione di RSPP.

Modulo B

Il corso Modulo B invece analizza le tematiche della sicurezza e dei rischi presenti sul luogo di lavoro in tutti i settori produttivi. Il modulo ha una durata di 48 ore ed è propedeutico per specializzarsi in determinati settori quali agricoltura–pesca, attività estrattive-costruzioni, sanità residenziale, chimico-petrolchimico. Questi settori possono essere integrati infatti con determinati moduli di specializzazione. Nel modulo B si vedranno quali sono i rischi più comuni negli ambienti lavorativi, come valutarli e come elaborare i documenti di valutazione del rischio. Si parla quindi di una varietà importante di tematiche che vanno dai rischi da movimentazione da merci fino ad esempio ai rischi di natura psico-sociale. Alla fine del modulo sarete in grado di individuare i pericoli e valutare i rischi presenti all’interno degli ambienti di lavoro e ad individuare le misure di prevenzione e protezione migliori per fare fronte alle varie tipologie di rischio che si possono presentare.

Modulo C

Insieme ai moduli A e modulo B, il modulo C completa la formazione per il ruolo di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. Il modulo ha una durata di 24 ore e e si incentra sulle abilità relazionali e gestionali che questo tipo di figure professionali devono avere. All’interno del modulo si esamina quindi l’organizzazione e i sistemi di gestioni di sicurezza e si analizzano in particolare gli aspetti della comunicazione e relazionali associati sempre a queste tematiche. In ultima istanza il modulo affronta anche la questione del benessere organizzativo e i rischi di natura ergonomica che possono sorgere all’interno dei vari ambienti lavorativi. Questo modulo vi consentirà quindi di poter affinare le vostre abilità gestionali e relazioni e di saper realizzare una corretta informazione sul posto di lavoro.

Alla fine di ogni modulo verrà svolta una valutazione su quello che avete appreso. Anche quando avrete il titolo di RSPP non scordatevi che nel quinquennio dovrete partecipare a dei corsi di aggiornamento della durata totale di 40 ore. I corsi di aggiornamento sono infatti fondamentali per rimanere al passo con le nuove tecnologie e innovazioni che si stanno sviluppando in materia di sicurezza lavorativa. Vi ricordiamo infine che la normativa riguardante il RSPP si ritrova all’interno del D.Lgs. 81/08. Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione è una figura giuridica prevista dall’ordinamento italiano in materia di sicurezza sul lavoro, diventare un RSPP non può che aprirvi nuove porte per il vostro futuro professionale.

Il corso RSPP è Obbligatorio?

rspp datore di lavoro

La figura del Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione, prevista come obbligatoria all’interno di un’azienda dal D.Lgs. 81/2008, è quella figura professionale che si occupa di avere le conoscenze adatte per garantire la sicurezza sul luogo di lavoro e applicarle ove necessario. L’incarico può essere ricoperto dal datore di lavoro o da un consulente esterno, a seconda del tipo di azienda e del numero di dipendenti, vi sono poi situazioni in cui sono richiesti anche i cosiddetti “ASPP“, Addetti al Servizio Prevenzione e Protezione.

Quando è richiesto l’RSPP?

La funzione di RSPP può essere esercitata anche dal datore di lavoro se si tratta di particolari tipi di aziende: artigiane o industriali con 30 lavoratori massimi, così come le agricole e zooteniche fino a 10 occupati, le ittiche con massimo 20 lavoratori e in altri settori fino a 200 dipendenti, possono far ricoprire la figura dell’RSPP al datore di lavoro, ma solo dopo che questo abbia frequentato un corso di formazione di almeno 16 ore, conseguendo quindi l’attestazione della conoscenza della sicurezza sui luoghi di lavoro e impegnandosi ad aggiornarsi periodicamente a riguardo.
In questi casi, la scelta di nominare un dipendente come RSPP è facoltativa, mentre in tutti gli altri casi dovrà essere un consulente esterno a ricoprire tale ruolo.

Ti potrebbe interessare: Che differenza c’è tra corso RSPP Esterno e RSPP Interno?

Gli ASPP sono coloro che invece, sulla base dei piani elaborati dall’RSPP, che è incaricato d’individuare i fattori di rischio nell’azienda, svolgono il compito di tenere aggiornato l’RSPP e far rispettare le norme di sicurezza.

Cosa è richiesto ad un RSPP? È necessario un corso?

Tramite un corso formativo saranno conseguite le conoscenze necessarie per diventare un Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione, ma quali sono gli effettivi incarichi e azioni che questa figura esegue?
Innanzitutto l’RSPP è responsabile di trovare i fattori di rischio presenti sul luogo di lavoro in cui opera. L’analisi delle situazioni e dei luoghi è essenziale per determinare le norme di sicurezza da far adottare ai lavoratori. Se l’RSPP non coincide col datore di lavoro, le due figure devono collaborare nella valutazione dei rischi, nell’elaborare misure preventive e di protezione e per tutto ciò che concerne la sicurezza sul lavoro.

Ti potrebbe interessare: Corso di Aggiornamento RSPP – Modulo B Tutti i Settori in modalità E-Learning

Conseguire un attestato è legalmente necessario per poter operare come responsabile della sicurezza, così come aggiornarsi periodicamente, ogni 5 anni.

È possibile essere ASPP con un corso da RSPP?

Aver conseguito conoscenze di un ruolo “superiore”, rende possibile anche lo svolgimento delle mansioni “inferiori”. In ogni caso, gli ASPP dovranno essere in possesso di uno specifico attestato, per garantire che sappiano svolgere la propria funzione e, nel caso, consigliare l’RSPP riguardo ulteriori misure di sicurezza o revisioni di quest’ultime.

Quanto dura un corso e come è possibile frequentarlo?

Un corso per RSPP dura fra le 16 e 48 ore a seconda del settore ATECO dell’azienda. Il corso base deve essere seguito necessariamente in aula, mentre l’aggiornamento può anche essere erogato on line, tramite piattaforma e-learning.

Agatos Service, ente di formazione con esperienza pluriennale nel settore, offre percorsi formativi on line di Aggiornamento RSPP adatti alle vostre esigenze, per mantenere il titolo già acquisito e poter continuare a operare come responsabile della sicurezza.

In conclusione

Il corso RSPP è obbligatorio per legge?

Chiunque debba ricoprire l’incarico di RSPP è obbligato a seguire un corso di formazione legalmente riconosciuto, sia egli il datore di lavoro o un consulente esterno.

È possibile effettuare l’aggiornamento RSPP Online?

corso di aggiornamento rspp 40 ore

La sicurezza sul posto di lavoro non deve mai essere sottovalutata o percepita come una “seccatura” da parte del datore di lavoro. Ogni persona ha il diritto di lavorare in luogo che metta al primo posto la sicurezza di ogni dipendente e, d’altro canto, ogni lavoratore ha il dovere di rispettare pedissequamente le normative vigenti.

Non esiste negligenza o distrazione, perché le conseguenze del mancato rispetto, anche di una sola norma, possono essere fatali o portare a infortuni gravissimi. In ogni azienda è quindi fondamentale la presenza di una figura professionale che vigili sull’ambiente di lavoro, accertandosi in prima persona che vengano rispettate le normative in vigore, e che sia un sorvegliante severo e inflessibile del comportamento dei lavoratori, chiamati a rispettare le leggi in vigore sulla sicurezza, grandi o piccole che siano.

Questa figura professionale è detta RSPP (Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione) e può essere: un lavoratore dipendente, lo stesso datore di lavoro (ma solo in determinati casi) o un libero professionista a partita IVA, esterno all’azienda. Il suo ruolo è quello di vigilare su ogni aspetto della sicurezza, facendosi portavoce delle esigenze dei lavoratori e organo di controllo del datore di lavoro per quanto riguarda il rispetto delle norme.

Come detto, il ruolo dell’RSPP è obbligatorio per legge in ogni ditta, e può essere ricoperto da una serie di figure. Per diventare RSPP è necessario frequentare un corso di formazione, al termine del quale si otterrà la licenza di RSPP per l’azienda.

Ma la sicurezza è in continuo aggiornamento, con l’introduzione di nuove norme e nuovi strumenti,  per questo motivo la legge stabilisce che l’RSPP di ogni azienda debba frequentare un corso di aggiornamento ogni cinque anni, pena una multa salata, il carcere e il ritiro della licenza di RSPP.

Potrebbe anche interessarti: Quali sono le sanzioni per il mancato aggiornamento RSPP

Fino a qualche anno fa era obbligatorio frequentare fisicamente un corso di durata variabile a seconda del settore di appartenenza dell’azienda, ma oggi, con il rapidissimo sviluppo del web e del settore dell’E-Learning è possibile anche frequentare dei corsi certificati di aggiornamento RSPP da casa o dal posto di lavoro, guardando i video sul proprio PC e se richiesto, compilando dei moduli online.

Ma è davvero possibile frequentare questi corsi in E-Learning?

Si, è necessario trovare una piattaforma di apprendimento elettronico (E-Learning) certificata che ospita dei video che illustrano i vari aggiornamenti. Il corso ha durata variabile a seconda della fascia di rischio dell’azienda e alla fine del corso viene rilasciato un attestato di partecipazione che certifica il completamento del corso e quindi il diritto di proseguire con il ruolo di RSPP per i successivi 5 anni.

Il certificato può essere ricevuto in formato elettronico o stampato (è sempre meglio averli entrambi) ed è molto importante assicurarsi che il portale scelto abbia tutte le autorizzazioni in regola per poter svolgere questo compito.

Grazie all’E-Learning sarà possibile frequentare questo importante corso senza perdere tempo in viaggi, comodamente da casa o dall’ufficio.

Qual è la durata dell’aggiornamento di un corso RSPP Online?

durata aggiornamento corso rspp

Il ruolo dell’RSPP (Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione) in azienda è di fondamentale importanza.

Il ruolo di RSPP non deve mai essere sottovalutato da chi ricopre questo ruolo, dai lavoratori e dal datore di lavoro, che non deve intenderlo come “una scocciatura” ma come una figura fondamentale per garantire a tutti i suoi dipendenti il diritto di lavorare in un posto di lavoro che rispetti tutte le normative di sicurezza attualmente in vigore.

In Italia avvengono ogni giorno moltissimi incidenti sul lavoro, con esiti più o meno gravi, e spesso la causa alla base di tutto è il mancato rispetto delle norme di sicurezza oppure la negligenza di chi doveva vigilare e non lo ha fatto.

Una vita umana sacrificata per risparmiare su un cartello di segnalazione, un casco o delle attrezzature più moderne.

Il ruolo dell’RSPP (Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione) è quello di impedire con ogni mezzo che queste tragedie possano ripetersi. L’RSPP rappresenta il portavoce dei lavoratori per ogni richiesta legata alla sicurezza sul posto di lavoro, ed è anche la persona che ha la responsabilità di accertarsi che la forza lavoro rispetti tutte le normative, senza nessun favoritismo o eccezione.

La figura dell’RSPP può essere svolta da diverse figure all’interno dell’azienda: da un lavoratore dipendente, dal datore di lavoro stesso (ma solo in alcune particolari situazioni), oppure da un consulente esterno a partita IVA, che però non garantirà per forza di cose una sorveglianza costante.

Per ottenere l’incarico di RSPP è necessario frequentare un corso di durata variabile a seconda del settore di appartenenza dell’azienda. Una volta frequentato il corso si otterrà l’abilitazione a svolgere il ruolo di RSPP per cinque anni.

Ma cosa succede allo scadere dei cinque anni?

In questo lasso di tempo le normative cambiano, possono essere prodotti nuovi dispositivi di sicurezza e sistemi per la riduzione del rischio, e quindi è necessario frequentare un corso di aggiornamento della durata di 40 ore se si vuole mantenere il ruolo di RSPP. Se si continua ad esercitare senza questo corso di aggiornamento si può andare incontro a multe salate, alla reclusione e al ritiro della licenza di RSPP.

A chi è rivolto il corso RSPP?

a chi è rivolto rspp

La sicurezza sul posto di lavoro non è solo un diritto di qualsiasi lavoratore, ma è anche un preciso dovere del datore di lavoro, che deve assicurare a tutti i dipendenti la possibilità di lavorare in un ambiente professionale, in cui i rischi siano mitigati il più possibile.

Allo stesso modo, è dovere del dipendente segnalare al datore di lavoro, ogni problema legato alla sicurezza, in modo che questi possa intervenire in modo rapido, per quanto nelle sue possibilità (purtroppo un certo fattore di rischio sarà sempre presente, gli interventi hanno come scopo quello di ridurlo il più possibile). Per semplificare il dialogo tra i dipendenti e i datori di lavoro si è creata una figura professionale che funge da tramite tra chi lavora e chi offre lavoro, e che ha come responsabilità quella di garantire la massima sicurezza nell’ambiente di lavoro: il responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione, abbreviato in RSPP.

Cosa fa questa figura all’interno dell’azienda?

Il dovere dell’RSPP è quello di segnalare al datore di lavoro eventuali problemi e assicurarsi che tutti i dipendenti rispettino le direttive di sicurezza in vigore, segnalando chi non rispetta le regole. La sicurezza è un dovere di tutti, e con la collaborazione è possibile mitigare ogni rischio, lavorando meglio e con meno pericoli.

Per poter assumere la carica di RSPP all’interno dell’azienda è necessario frequentare uno specifico corso, e negli anni successivi dei corsi di aggiornamento.  In alternativa è possibile assumere un consulente RSPP esterno, che non sarà fisicamente presente in azienda ogni giorno.

Ma a chi è rivolto il corso per diventare RSPP?

Nell’azienda il ruolo dell’RSPP (interno) può essere ricoperto da due persone: il datore di lavoro oppure un lavoratore dipendente.

Per quanto riguarda il datore di lavoro che svolge anche il ruolo di RSPP, è possibile assumere questo incarico se l’azienda ha un determinato numero di dipendenti:

  • Aziende artigiane e industriali: Fino a 30 dipendenti
  • Aziende del settore agricolo o zootecnico: Fino a 30 dipendenti
  • Aziende nel settore della pesca: Fino a 20 dipendenti
  • Altre aziende: Fino a 200 dipendenti

Il datore di lavoro dovrà frequentare uno specifico corso, modellato sulla classificazione del rischio (previsto dall’accordo Stato/Regioni) e i successivi corsi di aggiornamento.

  1. Rischio basso: 16 ore di corso
  2. Rischio medio: 32 ore di corso
  3. Rischio alto: 48 ore di corso

Per quanto riguarda il lavoratore dipendente, invece, per poter frequentare il corso è necessario possedere almeno il diploma di scuola superiore. Il corso RSPP è costituito da tre moduli, interconnessi.

  • Modulo A: Corso base, dura 28 ore e serve come introduzione ai successivi moduli.
  • Modulo B: Riguarda i rischi sul luogo di lavoro. Dura 48 ore più delle ore aggiuntive se si lavora in particolari settori (Agricoltura, Pesca, Cave, Costruzioni, Sanità Residenziale, Petrolchimico).
  • Modulo C: Corso specialistico per RSPP, dura 24 ore.

Il lavoratore dipendente deve obbligatoriamente frequentate un corso di aggiornamento ogni 5 anni.